Coronavirus: gravi carenze nel Decreto Cura Italia. Nessuna sospensione delle bollette, né del pagamento delle rate dei prestiti. Necessari chiarimenti sulla validità delle patenti.

Dai testi circolati in queste ore del Decreto Cura Italia, seppure siano state prese misure importanti soprattutto in campo sanitario, parrebbe che manchino all’appello alcune norme importanti e necessarie per i cittadini.

Diversamente da quanto annunciato, infatti, non sembrerebbe essere contenuta alcuna norma sulla sospensione del pagamento delle bollette relative al servizio elettrico del gas e idrico, nemmeno della telefonia, né una proroga del pagamento per quanto riguarda il servizio di raccolta dei rifiuti (finora disposta autonomamente da alcuni comuni). Per quanto riguarda in primis le bollette dell’elettricità non vediamo perché non si possano utilizzare le somme accantonate con il pagamento dei salati oneri di sistema da parte dei cittadini.

Inoltre sono assenti le necessarie misure sul credito al consumo, che sospendono i pagamenti di rate e finanziarie, nonché il recupero crediti. Al momento, per quanto ci risulta, sono le sole società aderenti al Forum Unirec-Consumatori che hanno introdotto una disposizione in tal senso, ma, nonostante apprezziamo lo sforzo e la volontà di alcune aziende, chiediamo al Governo che tale sospensione diventi vincolante per tutte.

Infine a nostro avviso è indispensabile un chiarimento ed un’apposita norma sulla validità delle patenti. Mentre si ritiene valido tale documento ai fini dell’identificazione, non si capisce perché non possono esserne prorogati i termini ai fini della guida, dal momento che in questo momento è oggettivamente complesso procedere alle pratiche burocratiche per il rinnovo.

“Ci auguriamo che in sede di trasmissione del testo tali gravi carenze vengano colmate: si tratta di misure primarie a tutela dei cittadini che, in questo momento, non possono subire ulteriori disagi né essere chiamati a pagare le rate per i prestiti contratti se si trovano in situazioni di oggettiva difficoltà economica.” – afferma Emilio Viafora, Presidente Federconsumatori.

1 Response
  1. Massimo

    Il blocco bollette non è annullare ma rimandare semplicemente di qualche mese, quindi quali fondi occorrono alla corrente acqua e gas? Con tutti gli oneri di sistema che paghiamo , posticipare dei pagamenti in quanto si è fermato tutto , con gli ammortizzatori sociali si sopravvive, una volta che riapriamo si paga con una rata aggiuntiva per estinguere il debito in sei o otto mesi e il problema è risolto

Lascia un commento

diciannove − 12 =