Buoni fruttiferi postali: lunedì 8 Novembre, si è tenuta l’udienza sull’ammissibilità della class action promossa da Federconsumatori.

Si è tenuta lunedì 8 Novembre la prima udienza, avanti il Tribunale di Roma, che deciderà l’ammissibilità della class action in tema di buoni postali fruttiferi Serie Q contro Poste Italiane, per non aver riconosciuto ai possessori dei buoni il giusto riconoscimento di quanto spettava loro.

I buoni oggetto dell’azione sono quelli della serie Q emessi tra il 1 luglio 1986 e il 31 ottobre 1995, per i quali alcuni Tribunali di merito (tra cui il Tribunale di Bergamo con la sentenza n.1390/2020), hanno già ritenuto che la capitalizzazione degli interessi che maturano sui buoni fruttiferi postali serie Q deve avvenire al lordo della ritenuta fiscale.

Il Giudice titolare della causa dr. Maurizio Manzi, sarà chiamato a decidere anche dell’opportunità di chiamare in causa di Cassa Depositi e Prestiti nonché del Ministero dell’Economia e delle Finanze, così come richiesto da Poste Italiane.

“Invitiamo tutti i cittadini che ancora non lo avessero fatto ad effettuare la pre-adesione alla class action visitando il sito www.serieq.it: un passo fondamentale per dare ancora più forza alla nostra azione. Abbiamo finora ricevuto oltre 4 mila pre-adesioni e ci batteremo affinché tutti coloro che ne hanno diritto riescano ad ottenere il rimborso di quanto gli spetta.” – afferma Emilio Viafora, Presidente Federconsumatori.

Chi desidera avere maggiori informazioni può contattare la Federconsumatori per ricevere tutti gli aggiornamenti e le informazioni in merito alla class action sui buoni della serie Q e alle iniziative da intraprendere per le altre serie di buoni fruttiferi.

Lascia un commento

17 − 11 =