Turismo: anche Alitalia si rifiuta di rimborsare i biglietti non utilizzabili a causa della pandemia, sfruttando l’emergenza sanitaria per incrementare i profitti.

Ancora una volta, purtroppo, ci troviamo a dover constatare che molti operatori del settore turistico non si fanno alcuno scrupolo a lucrare sulla grave emergenza sanitaria in corso.

Già nelle scorse settimane abbiamo segnalato ad Enac e AGCM il comportamento scorretto di compagnie aeree e tour operator che si stanno rifiutando di rimborsare, anche sotto forma di voucher, i biglietti e le prenotazioni non utilizzati nonostante le attuali restrizioni agli spostamenti.

Si tratta di un comportamento che, a quanto pare, diventa sempre più diffuso: in particolare in questi giorni si stanno moltiplicando le segnalazioni che pervengono ai nostri sportelli relativamente ad Alitalia, che appunto non restituisce gli importi versati né emette voucher per rimborsare i titoli di viaggio inutilizzabili dagli utenti proprio in seguito a quanto previsto dalla normativa anti-Covid.

Alitalia continua quindi a creare non pochi problemi ai clienti: già nei mesi scorsi abbiamo riscontrato comportamenti non corretti da parte del vettore, di cui ci sono stati segnalati irragionevoli ritardi nell’erogazione dei rimborsi nel primo periodo di lockdown nonché la pressoché totale impossibilità di contattare il servizio di assistenza e ovviamente queste recenti segnalazioni non fanno che peggiorare il quadro della situazione.

Il comportamento di Alitalia lede il diritto degli utenti al rimborso e risulta ancora più grave in un periodo di crisi socioeconomica come quello che stiamo attraversando.

La compagnia di bandiera italiana, per il cui salvataggio sono stati tra l’altro impiegati in passato anche fondi pubblici, non rispetta la normativa vigente – che in questo contesto prevede appunto il rimborso, anche sotto forma di voucher, dei titoli di viaggio non fruiti – e mostra un inammissibile disinteresse nei confronti degli utenti, approfittando di un quadro normativo in continua evoluzione per incrementare i profitti.

Invitiamo gli utenti, per ottenere informazioni e assistenza, a rivolgersi alle sedi Federconsumatori presenti in tutta Italia oppure contattando lo sportello SosTurista al numero 059.251108 o all’indirizzo email info@sosvacanze.it, dal lunedì al venerdì dalle 08:30 alle 13:30

Lascia un commento

nove + tre =